Privacy Policy

GIORGIO GUALDRINI, dopo gli studi liceali, si è laureato  presso l’Università di Firenze. Svolge attività professionale a Faenza come socio dello studio Cooprogetto realizzando prevalentemente interventi di restauro e di recupero nei centri storici nonché interventi di edilizia residenziale e terziaria. Nel 1990 si è aggiudicato  il Primo Premio al “Concorso Nazionale per il riassetto del presbiterio della Cattedrale di Faenza”, opera quattrocentesca di Giuliano da Maiano e nel 2013 ha redatto il progetto esecutivo dei nuovi arredi liturgici (altare, ambone, cattedra episcopale) della stessa cattedrale. In campo museale nell’anno 2000 ha redatto il progetto di restauro e allestimento del Museo Diocesano nel Palazzo Episcopale di Faenza-Modigliana che solo nel 2011 ha avuto un primo, parziale compimento, seguito dalla pubblicazione dei volumi Museo, arte sacra, città (2011), Dalle chiese al museo (con A. Tambini, 2012) e The Diocesan Museum. Artworks and places, in Religion and Museums. Immaterial and material Heritage, a cura di V. Minucciani (Allemandi, Torino, London, New York, 2013) Ha ricevuto segnalazioni in concorsi internazionali di architettura ed esposto alla Triennale di Milano. Sue opere e scritti sono state pubblicati su numerosi libri e riviste specializzate, fra le quali C e A partners, Almanacco di Casabella, Parametro, La nuova città, Recuperare l’edilizia, I confini della città, Chiesa Oggi e la Rivista Internazionale di storia dell’arte e di arti liturgiche Arte Cristiana. Ha affiancato all’attività professionale una personale ricerca teorica con frequenti incursioni nel campo della filosofia e della teologia. Ha pubblicato fra gli altri: Spazio architettonico e spazio liturgico della Cattedrale di Faenza prima e dopo il Concilio Ecumenico Vaticano II (1992), Lo spazio dell’incontro con l’altro. Architettura e rito (1995). Al restauro in architettura ha dedicato il libro Ritornare ad Itaca? (1999). Ha inoltre affrontato i temi della storia urbana e del paesaggio rurale ed ha scrutato il rapporto fra i bambini e la città pubblicando Appunti per una urbanistica raccontata ai ragazzi (1990), con prefazione scritta dall’architetto Giovanni Michelucci pochi mesi prima della morte. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk